Resitalia - Pavimenti in resina - cantine vinicole

5 cantine vinicole che esaltano tradizione e innovazione, anche a livello architettonico

Sono sempre di più le aziende vinicole che ricorrono a grandi archistar internazionali per la realizzazione delle proprie cantine, unendo il gusto del buon vino alla bellezza estetica del luogo dove viene prodotto.

Da Mario Botta a Renzo Piano, da Massimiliano Fuksas a Arnaldo Pomodoro, si progettano soluzioni architettoniche sempre più originali per valorizzare il territorio e attirare l’attenzione di consumatori e visitatori.

Ecco cinque aziende italiane che hanno saputo sfruttare al meglio il connubio tradizione e innovazione.

Cantina Petra

Resitalia-cantine-1 5 cantine vinicole che esaltano tradizione e innovazione, anche a livello architettonico pavimenti in resina - Resitalia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Custodita tra i vigneti della Maremma livornese di Suvereto, la Cantina Petra  è una delle perle del settore vitivinicolo toscano.

Questa tenuta, disegnata attingendo alla tradizione dei templi precolombiani, è stata progettata dall’archistar svizzero Mario Botta.

Mentre si cammina tra le viti dell’azienda si avverte il soffiare del libeccio portato dal mare che silenziosamente deposita la salsedine sulle dolci colline dell’azienda, ossidando il terreno e facendo arrossire la terra.

Tenuta Castelbuono

Resitalia-cantine-2 5 cantine vinicole che esaltano tradizione e innovazione, anche a livello architettonico pavimenti in resina - Resitalia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E il sol nel radiante azzurro immenso, folgora e con desio d’amor più intenso ride a’ monti de l’Umbria e al verde piano, così Carducci dipinge i meravigliosi paesaggi umbri che fanno da sfondo alla Tenuta Castelbuono della famiglia Lunelli.

L’azienda, costruita su un antico vitigno nel  Montefalco, è racchiusa all’interno di un gigantesco carapace progettato nel 2012 da Arnaldo Pomodoro.

La tenuta segue uno schema di linee ondulate inserendosi armoniosamente nella cornice offerta dalle colline che ospitano i rigogliosi vigneti della famiglia Lunelli.

Distilleria Nardini

Resitalia-cantine-3 5 cantine vinicole che esaltano tradizione e innovazione, anche a livello architettonico pavimenti in resina - Resitalia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fra le tante bevande tradizionali della cultura Italiana la grappa, così come il vino, è da sempre presente sulla tavola delle famiglie italiane.
In occasione del 225° anniversario della storica distilleria Nardini, l’architetto Massimiliano Fuksas ha ideato una struttura composta da una serie di bolle in vetro che richiamano l’alchimia della distillazione.
Il progetto, intitolato “Bolle”, nasce come laboratorio di ricerca e spazio per promuovere la cultura della grappa grazie ad eventi, degustazioni e visite guidate.

Cantina Antinori

Resitalia-cantine-4 5 cantine vinicole che esaltano tradizione e innovazione, anche a livello architettonico pavimenti in resina - Resitalia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In questa cantina, che racconta passato, presente e futuro della famiglia Antinori, tradizione e innovazione convivono armonicamente in uno stesso luogo.

La struttura, realizzata dallo studio Archea Associati, si trova interrata nel cuore di una collina non lontano da Firenze. Minimalismo ed ecosostenibilità sono le caratteristiche che contraddistinguono la cantina formata da lunghe scale elicoidali che s’intersecano con ampie volte sotterranee.

Racchiusi da questo susseguirsi di elementi morbidi e curvilinei vi sono tini, botti, ristoranti e alcune sale da degustazione.

Entrare nella Cantina Antinori significa diventare protagonisti di un percorso storico, emozionale e architettonico che culmina con la degustazione dei migliori vini del marchese Antinori.

Feudi di San Gregorio

Resitalia-cantine-5 5 cantine vinicole che esaltano tradizione e innovazione, anche a livello architettonico pavimenti in resina - Resitalia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un’azienda giovane in una terra di grandi tradizioni. Fondata nel 1986, Feudi di San Gregorio è oggi il simbolo della rinascita enologica del meridione d’Italia e di quella cultura del bere volta a riscoprire l’identità degli autentici sapori mediterranei.

La struttura, progettata nel 2004 da Hikaru Mori e Maurizio Zito con la collaborazione dei designer Massimo e Lella Vignelli, è contraddistinta da linee semplici ed essenziali.

Feudi di San Gregorio vuole essere sempre di più un luogo d’incontro, di confronto, di conoscenza, di meditazione, un laboratorio di idee e cultura.

Ogni storia di eccellenza comincia da piccoli passi. Farli su un pavimento Resitalia, una soluzione ideale per una cantina vinicola, significa avere le basi giuste per il successo: scegli la solidità di Resitalia anche per la tua azienda.